Perdita dell’ispirazione

Astratte motivazioni identitarie e sovversive si infrangono dissolvendosi in un senso di abitudine alla conformità che si diffonde nelle varie circostanze. Una generale consapevolezza di una quotidianità troppo ordinaria si afferma trasformandosi nella noia che disperde rinnovate e variegate suggestioni. Le prospettive più personali si impongono allora in funzione di una disperata composizione di stimoli nuovi.

Stevo

Verso la pianura urbanizzata

Di ritorno dalla girata in centro, camminavamo per le desolate strade della città, cercando il luogo adatto per rilassarci e riflettere. Così salimmo su un’altura, raggiungendo un parco da dove si scorge l’intero centro urbano sottostante. Il vasto panorama delle strade e delle case illuminate in pianura circondava ogni nostro sguardo. Percepivamo che nei dintorni non ci fosse nessuno. Nell’oscurità e nel silenzio della circostanza ci decidemmo a sostare in zona. Ci stendemmo sulle rocce a fianco al prato e iniziammo ad osservare più attentamente il paesaggio attorno a noi. Guardavamo in silenzio verso la pianura.

ste.

Valore dell’ispirazione

Un’attività di scrittura completamente spontanea, come qualsiasi altra forma di espressione spontanea, intrapresa come ricerca creativa potrebbe incitare allo sviluppo di significati personali che possono considerarsi come risorse per poter assumere sempre nuove ispirazioni. Un rinnovato sentimento di ispirazione può essere associato alle più sincere istanze individuali, affermando l’aspirazione al benessere più intenso.

_Stevo_

Raffigurazioni di Oswaldo Guayasamín

Nell’inquietante oscurità di un ambiente indefinito, individui disperati esprimono il proprio tremendo dolore. Si espongono a una luce potentissima e sfogano il malessere che li assale, rendendosi conto di dover continuare ancora ad affrontare vicissitudini a cui non riescono a rimediare. Alcuni gridano, cercando di recuperare forza per riscattarsi da opprimenti vincoli sociali. Altri chiudono gli occhi e riflettono sulla miseria che continuamente incombe sulle proprie vite. Altri guardano spaventati verso il pericolo imminente. Molti posano le proprie mani sul proprio volto, recuperando un contatto ravvicinato con la propria identità e con i propri sentimenti. Quasi tutti sono da soli, almeno per esprimersi meglio, almeno per poco.

Ste.

Valorizzazioni personali

Il proprio stile di vita può sempre diventare riferimento per prospettive di valorizzazione delle proprie istanze individuali. Un individuo può interpretare le proprie caratteristiche e attitudini come elementi per progredire in qualsiasi circostanza e in ogni condizione di vita. Ogni certezza che mettiamo in discussione, come ogni forma di precarietà, di ricchezza o di sofferenza, come ogni disgrazia e comodità, come persino qualsiasi interpretazione del nichilismo, risulta questione o condizione che possiamo considerare in funzione di atteggiamenti per aspirare a sempre maggiore benessere personale. La valorizzazione del proprio stile di vita, che diventa affermazione della propria identità, permetterebbe dunque all’individuo di ottenere il benessere che ricerca. – Affermare la propria identità appare il rimedio opportuno alla stessa crisi del concetto di identità!

-stevo-

Nuova poesia sul blog

Vi comunico con grande piacere che ho completato una poesia, disponibile da oggi su questo blog.
Sono passati tanti mesi dall’ultima pubblicazione e questo nuovo componimento rappresenta per me un segnale della voglia di continuare. Parte del testo in questione esprime proprio questa esigenza.

stevo

Nuova poesia

Nella sezione apposita del blog ho appena aggiunto una poesia ultimata qualche giorno fa. Si intitola Tossicità e tratta del consumo di sostanze e delle possibili cause e conseguenze psichiche di questo consumo. Buona lettura!
Stevo

Blog personale

Dopo più di un anno di composizioni in versi, ho deciso di pubblicare alcune delle mie poesie su questo nuovo blog, a cui devo ancora aggiungere varie sezioni e apportare tanti miglioramenti grafici. Potete trovare le poesie nella sezione apposita, che aggiornerò tutte le volte che avrò altre poesie da far leggere.

buona lettura!
stevo

Licenza Creative Commons

<a rel=”license” href=”http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/”><img alt=”Licenza Creative Commons” style=”border-width:0″ src=”https://i.creativecommons.org/l/by/4.0/88×31.png” /></a><br />Quest'<span xmlns:dct=”http://purl.org/dc/terms/” href=”http://purl.org/dc/dcmitype/Text” rel=”dct:type”>opera</span> di <a xmlns:cc=”http://creativecommons.org/ns#” href=”https://stevo.noblogs.org/” property=”cc:attributionName” rel=”cc:attributionURL”>Stevo Pro</a> è distribuita con Licenza <a rel=”license” href=”http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/”>Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale</a>.<br />Based on a work at <a xmlns:dct=”http://purl.org/dc/terms/” href=”https://stevo.noblogs.org/” rel=”dct:source”>https://stevo.noblogs.org/</a>.